ONU: Quasi mezzo milione di siriani sono tornati nelle loro case da gennaio

Quasi mezzo milione di persone sfollate all’interno della Siria sono tornate a casa dallo scorso gennaio, la maggior parte alla ricerca di membri della famiglia, per controllare lo stato delle loro proprietà o perché ha percepito miglioramenti nella sicurezza, secondo l’ONU.
L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) ha notato un “significativo trend spontaneo di ritorno di rifugiati all’interno della Siria nel 2017”.
Più di 440.000 sfollati interni sono tornati alle loro case, ha dichiarato un portavoce dell’UNHCR, Andrej Mahecic, durante una conferenza stampa.
Inoltre, circa 31.000 rifugiati che sono fuggiti nei paesi vicini sono tornati in Siria durante lo stesso periodo, ha aggiunto. Questo porta a circa 260.000 il numero di rifugiati tornati volontariamente in Siria dal 2015. La maggior parte di loro erano fuggiti in Turchia.
I rifugiati stanno tornando in gran parte ad Aleppo, Homs e Damasco “sono motivati ??principalmente dal desiderio di cercare i membri della famiglia e controllare lo stato delle loro proprietà”, ha spiegato Andrej Mahecic.
“In alcuni casi, il loro ritorno è legato a un vero e proprio miglioramento o percepito condizioni di sicurezza in alcune parti del paese”, ha precisato.Alla luce di questi ritorni crescenti, l’UNHCR ha iniziato a intensificare la sua attività di monitoraggio sui confini, al fine di analizzare i movimenti di rifugiati e di assicurare che ritornino volontariamente in Siria.

Luce verde turca

Inoltre, la Reuters in un articolo del 15 giugno scorso, rese noto che migliaia di siriani che si erano rifugiati in Turchia erano tornati a casa durante il Ramdan.

Circa 100.000 rifugiati si sono precipitati al confine tra i due paesi, dopo aver ottenuto il permesso dal governo turco, che per la prima volta ha permesso loro di rimanere 40 giorni. Nei tempipassati, il tempo concesso non superava i 5 giorni.

In Libano, dove ci sono più di un milione di profughi siriani, i leader libanesi si sono lamentati molte volte pressione occidentale su Beirut per non costringerli a tornare a casa.

Secondo il sito “Muhajir News”, la maggior parte di loro non vuole tornare in Turchia a causa delle difficili condizioni sopportate.

“L’odore di Aleppo è mille volte meglio che qui. È meglio morire in guerra là che muore di fame qui”, ha detto un rifugiato alla Reuters mentre camminava verso il valico di confine tra la Turchia e la Siria.

Ankara ha dichiarato che 50.000 siriani sono tornati al loro paese lo scorso febbraio.
L’UNHCR ha anche sottolineato che, sebbene i recenti colloqui di pace di Astana e Ginevra offerto una “speranza in crescita”, resta il fatto che le “condizioni” per i rifugiati a ritornare in Siria “in modo sicuro e degno non sono ancora effettive.”

loading...

Circa 5 milioni di persone hanno trovato rifugio nella regione, secondo l’UNHCR.

Russia e Iran, alleati del governo siriano, e la Turchia, che sostiene i “ribelli”, hanno adottato los corso maggio ad Astana un piano per creare aree sicure e stabilire una tregua duratura in diverse regioni. Da allora, un forte calo delle combattimenti è stato registrato in queste aree.

Fonte lantidiplomatico.it

via NincoNanco